Autorizzazione all’uso dei cookie

Tu sei qui

Giornale della Scuola

2016-2017

Giovedì, 18 Maggio, 2017 - 23:44

Mercoledì, 3 Maggio, 2017 - 16:36

 Mercoledì 3 maggio, in una giornata piovosa, presso l'Istituto Ferrini a Pallanza continua l'opera di piantumazione. Questa volta non sono stati messi a dimora dei fiori, bensì due alberi di nespole.

Ad occuparsi di questa operazione di abbellimento del giardino della scuola è stato il nostro collaboratore scolastico Sandro.

Serena Romeo

 

 

 

Venerdì, 21 Aprile, 2017 - 15:19

geometri  «Questa è un’opportunità fondamentale per chi, come questi giovani, sta studiando da geometra». Così Alberto Francioli, presidente del Collegio dei geometri del Vco, ha commentato l’attività “Tre giorni da geometra”, il progetto di alternanza scuola – lavoro che ha visto coinvolti circa venti studenti delle classi 3A e 3B Costruzioni, ambiente e territorio dell’Istituto Ferrini di Verbania.
Da mercoledì 12 a venerdì 14 aprile i “futuri geometri” guidati da quaranta professionisti del Vco si sono impegnati attivamente in operazioni di rilievo topografico e planimetrico a Villa Giulia a Pallanza e a Villa Bernocchi a Premeno.
In collaborazione con le rispettive amministrazioni comunali, infatti, il Collegio dei geometri ha permesso agli studenti del Ferrini di vivere tre giorni a contatto diretto con l’attività lavorativa del geometra, operando in equipe e producendo materiali tecnici che ora saranno sfruttati dai Comuni di Verbania e Premeno per futuri interventi.
«Il progetto di alternanza scuola – lavoro che in questi giorni sta coinvolgendo tutti i nostri studenti delle classi terze, di ogni corso, - ha affermato il preside del Ferrini, Santino Mondello – ha lo scopo di metterli a diretto contatto con il mondo del lavoro. La scuola fornice la “cassetta degli attrezzi” sui banchi di scuola, ora spetta loro applicarsi».

locandina  conferenza stampa di presentazione del progetto gli attori del progetto 

riunione pre-lavoro sul lungolago si inizia a mappare villa giulia

 

Venerdì, 21 Aprile, 2017 - 15:01

Il gruppo al gran completo degli studenti coinvolti  «Questa giornata penso abbia coinvolto positivamente studenti e colleghi nel cercare di dare un volto diverso all’ambiente in cui ogni settimana viviamo e lavoriamo insieme».
Con queste parole la professoressa di geografia Patrizia Galluccio ha commentato a caldo la buona riuscita del progetto “Nontiscordardimè - Operazione scuole pulite” che la mattina di venerdì 7 aprile ha coinvolto studenti e insegnati dell’Istituto Contardo Ferrini di Verbania.
La giornata di sensibilizzazione ecologica, organizzata in collaborazione con Legambiente Scuola e Formazione e Legambiente “Brutto Anatroccolo” di Baveno, è stata il culmine di un progetto che da mesi vede impegnato l’Istituto in diverse azioni, tra cui una precisa e capillare raccolta differenziata dei rifiuti.
La mattina di venerdì 7 aprile nove classi del Ferrini, armate di guanti, scope, palette, badili e secchielli hanno provveduto a pulire i cortili della scuola e hanno proceduto con la piantumazione di numerose piante ornamentali – oleandri, azalee, camelie, ulivi – nelle aiuole e nel giardino dell’Istituto.
Un’azione di piantumazione che ha seguito un preciso progetto, redatto a suo tempo dagli studenti del corso geometri, presenti anch’essi alla giornata ecologica con disegni e strumenti ad hoc.
Ora il compito che attende gli studenti è quello di proseguire nel cammino iniziato, mantenendo pulito l’ambiente in cui vivono.

al lavoro al lavoro al lavoro al lavoro al lavoro al lavoro al lavoro al lavoro al lavoro al lavoro al lavoro al lavoro al lavoro al lavoro al lavoro

 

Venerdì, 21 Aprile, 2017 - 14:26

la premiazione a Milano  Dopo Roma, anche Milano. La classe IV A Grafica e comunicazione dell’Istituto Ferrini – Franzosini di Verbania si conferma un’eccellenza nel panorama nazionale.
Venerdì 7 aprile gli studenti accompagnati dalla professoressa di arti grafiche Maria Chiara Tomasi hanno ritirato il secondo premio in occasione del Film festival internazionale sulla sicurezza stradale “Ciak si guida”, promosso dalla Polizia locale di Milano.
A vincere è stato il progetto elaborato dagli studenti Matteo Benvegnù, Matteo Di Lorenzo e Aurora Sergi. I ragazzi si sono confrontati sul tema “Sulla strada non siamo soli” ed hanno ottenuto il riconoscimento dalla giuria che ha valutato le opere partecipanti al concorso patrocinato dal Ministero dell’Istruzione, dalla Commissione europea, dall’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, dalla Fondazione Pubblicità Progresso, dalla Federazione italiana dei Cineclub, dal Giffoni Film Festival e dal Corpo Consolare di Milano e Lombardia.

 

Venerdì, 21 Aprile, 2017 - 11:23

Il gruppo al gran completo in Irlanda  Entusiasmo e curiosità hanno contraddistinto la recente esperienza dello stage linguistico che ha coinvolto quarantacinque ragazzi dai 16 ai 18 anni dell’Istituto Ferrini-Franzosini e tre insegnanti in Irlanda presso il Galway Cultural Institute.
Gli studenti hanno seguito lezioni di lingua inglese di buon livello e coinvolgenti, in modo partecipe ed attivo al termine delle quali hanno ottenuto una certificazione attestante il livello di conoscenza della lingua.
Durante gli intervalli i ragazzi consumavano il packed lunch preparato dalla famiglia ospitante oppure apprezzavano i piatti di buona qualità del cuoco italiano Franco dell’Ozone Café.
La competenza e la collaborazione dello staff della scuola di Galway - Siobhan, Roza e Padraig - hanno offerto esperienze curiose e peculiari: la caccia al tesoro, le danze irlandesi e anche il film in lingua originale.
Positiva è stata la sistemazione di coppie o a gruppi di tre alunni presso famiglie che ha offerto la possibilità di conoscere in modo ancora più approfondito le tradizioni e gli usi del paese, garantendo loro un’ulteriore possibilità di esercitare l’uso della lingua inglese.
I ragazzi, coadiuvati dalle docenti Elena Bonmassar, Anna Cavaliere e Marina Resentini hanno dichiarato all’unisono: «È un’esperienza da ripetere»!

     

Martedì, 4 Aprile, 2017 - 08:21

«Siamo al secondo anno consecutivo e questa esperienza sta ormai diventando una bella consuetudine sia per i nostri studenti sia per i loro partner tedeschi». Così le professoresse Roberta Gaggero e Rosanna Galante, responsabili del progetto messo in atto dall’Istituto Contardo Ferrini di Pallanza, commentano l’esito dello scambio culturale tra studenti delle classi 2A e 2B Turismo con i loro coetanei della scuola Rupert Ness Gymnasium di Ottobeuren in Baviera.
A novembre erano stati i verbanesi a fare visita in Baviera ai loro amici, ora il tutto si è svolto a parti invertite. La comitiva è giunta a Pallanza sabato 11 marzo, accompagnata dai professori Heinz Köster, docente di tedesco, biologia e psicologia, e Paola Bernabei, insegnante di lingua straniera italiana.
Ospitati presso le famiglie dei ragazzi italiani, gli studenti tedeschi hanno avuto la possibilità in questi giorni di frequentare le lezioni mattutine al Ferrini, di visitare il territorio – particolarmente accattivante è stata lunedì 13 marzo la caccia al tesoro per le vie di Intra – e alcune città italiane, tra cui Torino e Milano.
Significativo è stato l’incontro nel pomeriggio di martedì 14 marzo a Palazzo di città a Pallanza con il sindaco di Verbania, Silvia Marchionini. Il primo cittadino ha accolto gli studenti italiani e tedeschi nella sala d’onore ed ha risposto alle domande rivoltegli, informandosi a sua volta sugli aspetti della cittadina bavarese di Ottobeuren e quale impressione “turistica” hanno avuto di Verbania i ragazzi tedeschi. L’incontro si è concluso con lo scambio dei doni e una foto ricordo a sigillo di questa amicizia tra le due realtà europee.

   

 

Lunedì, 3 Aprile, 2017 - 11:36

 Venerdì 7 aprile, alle 11, presso l'Istituto Ferrini a Pallanza, si svolgerà la cerimonia di piantumazione di alberi in occasione della Giornata di volontariato dedicata a migliorare la vivibilità delle scuole. L'evento, dal titolo "Nontiscordardimè - Operazione scuole pulite", è organizzato in collaborazione con Legambiente Scuola e Formazione e Legambiente "Brutto Anatroccolo" di Baveno. La giornata di impegno civico vede protagonisti diversi studenti dell'Istituto Ferrini, dove da alcune settimane è stata attivata la campagna di sensibilizzazione alla raccolta differenziata.

 

Mercoledì, 29 Marzo, 2017 - 16:47

Il gruppo a Praga  La settimana dal 20 al 25 marzo alcune classi quinte dell’istituto Ferrini hanno vissuto insieme l’esperienza del viaggio d’istruzione a Lubiana e a Praga.
Il viaggio in pullman è stato abbastanza lungo, ma è anche servito per stringere amicizia tra gli alunni dei diversi corsi.
Nel complesso è stato un viaggio molto istruttivo; una guida molto preparata ci ha permesso di vedere luoghi che nel passato hanno avuto una storia molto importante e ci ha anche consigliato alcuni luoghi in cui poter gustare cibi tipici del paese.

astrid macconi

Lunedì, 27 Marzo, 2017 - 07:27

La consegna del premio «La soddisfazione è tanta, soprattutto nel vedere premiato il lavoro di insegnanti e studenti». Sono state queste le prime parole pronunciate la mattina di giovedì 23 marzo, a Roma presso la sala del Mappamondo a Palazzo Montecitorio, dal preside dell’Istituto Ferrini di Verbania, Santino Mondello, in occasione della cerimonia di premiazione del concorso nazionale “No Hate Speech - Educhiamo i nostri figli al rispetto della dignità umana anche on line”.
La nostra scuola, che ha partecipato al concorso insieme ad altri 170 istituti d’Italia, ha vinto il primo premio grazie al progetto realizzato dalla classe IV A Grafica e comunicazione, seguita dalla professoressa Maria Chiara Tomasi. A consegnare il riconoscimento e congratularsi con gli studenti è stato il ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli.
Alla cerimonia sono intervenuti anche Michele Nicoletti, presidente della delegazione italiana presso l’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa; Milena Santerini, coordinatrice dell’Alleanza contro l’odio e il razzismo dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa; Beatrice Vio, campionessa paraolimpica e mondiale di scherma; Pier Cesare Rivoltella, professore ordinario di Media education presso l’Università Cattolica di Milano.
A ritirare il prestigioso riconoscimento – una targa e un viaggio per l’intera classe a Strasburgo ad aprile in occasione della seduta plenaria del Parlamento europeo – è stata la delegazione composta dal preside Mondello, dalla professoressa Tomasi e dagli studenti Grace Guerra, Alessio Vanetti, Andrea Bertolin ed Andrea Toffolet.
«Questo premio significa davvero tanto per il nostro Istituto – ha detto il preside Mondello. – Da sempre come scuola siamo attenti ad educare i nostri studenti al rispetto nei confronti degli altri, soprattutto nel contesto attuale dove la comunicazione online pone sfide diverse. La prevenzione a forme di bullismo, anche in “rete”, è tra le priorità nell’agenda della nostra scuola».
Da parte sua la professoressa Tomasi non ha nascosto la soddisfazione per quanto avvenuto, ricordando come «il lavoro realizzato in poco più di un mese ha permesso ai miei studenti non solo di vincere il premio, ma anche di comprendere come il progetto costruito insieme possa ora davvero diventare uno strumento per informare altri giovani ed aiutarli a vivere in modo giusto e sereno il loro comunicare».

Un momento della cerimonia  Il preside Mondello e la professoressa Tomasi con il ministro Fedeli   Foto ricordo con il premio davanti a Montecitorio

Sabato, 18 Febbraio, 2017 - 16:53

Mercoledì 22 e venerdì 24 febbraio all'Istituto Ferrini - Franzosini è in calendario un doppio appuntamento con l'Arma dei Carabinieri. Si inizia mercoledì 22 febbraio, dalle 12 alle 14, presso il Franzosini; venerdì 24 febbraio, dalle 12 alle 14, sarà la volta dell'Istituto Ferrini.

In entrambi gli incontri i Carabinieri parleranno di legalità agli studenti delle classi seconde.

Martedì, 14 Febbraio, 2017 - 08:47

i relatori dell'incontro   La platea

Come ridurre gli sprechi d’acqua? È questa la domanda a cui la mattina di martedì 7 febbraio hanno cercato di dare una risposta gli studenti delle classi seconde dell’Istituto Ferrini di Pallanza, prendendo parte nell’auditorium della scuola all’incontro organizzato dai docenti di geografia nel solco della campagna di sensibilizzazione “L’acqua è di tutti, non mangiamone troppa” promossa dalla Regione Piemonte e dalla Regione Valle d’Aosta.
Circa cento studenti si sono confrontati su questo tema di stretta e importante attualità guidati dalle parole e dai filmati proposti dai carabinieri forestali Damiano Bevilacqua e Pier Francesco Donzelli, del Comando unità per la tutela forestale, ambientale e agroalimentare; da Michela Rogora, ricercatrice del Cnr – Istituto per lo studio degli ecosistemi di Pallanza; da Daria Fera, dell’associazione Consumatori di Torino; e da Franca Sola, funzionaria della Regione Piemonte – Settore Ufficio relazione al pubblico e tutela dei consumatori.
Nel concreto, i relatori hanno invitato i giovani studenti a prendere coscienza di quanta acqua venga ogni giorno sprecata, soprattutto in riferimento alle abitudini alimentari.
Dall’incontro è emerso come in Italia, ciascuno di noi consuma mediamente, aprendo i rubinetti di casa, 252 litri di acqua al giorno. «Tanti? Pochi? Nulla, se si considera che ne consumiamo, ogni giorno, altri 6048 in modo “invisibile”, acquistando cioè beni che per essere prodotti hanno complessivamente richiesto quella quantità d’acqua – hanno messo in luce i relatori. - Lo spreco di cibo è una causa primaria dell’esagerato prelievo di risorse idriche nella filiera agroalimentare. Contrastare lo spreco e ridurre nell’alimentazione l’impronta idrica sono entrambi aspetti irrinunciabili di un nuovo e “sostenibile” rapporto col cibo».
Ed, ancora, sempre guardando ai numeri, risulta che «l’89% della nostra impronta idrica è relativa al consumo di prodotti agricoli e solo il 7% è imputabile ai prodotti industriali; quasi la metà dell’impronta idrica in Italia è inoltre legata al consumo di prodotti di origine animale. Questi numeri, per molti versi sorprendenti, collocano il nostro Paese ai primi posti nel mondo quanto a consumi d’acqua, al di sopra della media dell’Unione europea e subito dopo gli Stati Uniti. Siamo anche ai primi posti nel mondo nella classifica degli importatori netti di acqua virtuale, vale a dire che rispetto all’acqua contenuta nei prodotti agricoli che esportiamo, ce n’é molta di più in quelli che importiamo, spesso da Paesi in grave carenza idrica».
L’incontro al Ferrini è risultato positivo, stando ai numerosi interventi registrati in sala tra gli studenti. Il dialogo tra loro e i relatori è servito per approfondire ulteriormente alcuni aspetti del tema e per comprendere meglio il valore della ricerca, della divulgazione e dell’importanza dell’azione di controllo sulle fonti di inquinamento.
La campagna nei prossimi mesi coinvolgerà, centocinquanta istituti scolastici piemontesi e valdostani, individuati con la collaborazione dell’Ufficio scolastico regionale del Piemonte e della Sovrintendenza agli studi valdostana.

 

Lunedì, 30 Gennaio, 2017 - 08:51

"Per non dimenticare". Queste parole sono risuonate più volte la mattina di venerdì 27 gennaio nell'auditorium dell'Istituto Ferrini - Franzosini a Verbania. In occasione della "Giornata della memoria", infatti, gli studenti delle classi quarte e quinte della scuola superiore verbanese si sono confrontati e hanno riflettuto, intorno al tema della Shoah, insieme al regista Lorenzo Camocardi, autore con Gianmaria Ottolini del film documentario "Even 1943".

Grazie alle testimonianze contenute nella pellicola e grazie al dibattito che ne è seguito, gli studenti hanno preso coscienza di quali eventi accaddero fra il 13 settembre e l’11 ottobre 1943 sulle sponde del lago Maggiore, del lago d'Orta e del lago di Mergozzo, quando 57 ebrei vennero arrestati e trucidati dai nazisti. Si trattò del primo eccidio di ebrei in Italia. Un eccidio che è diventato un film grazie ai due registi di Verbania, che hanno deciso di intitolarlo “Even 1943”, in quanto Even è il nome del sasso che gli ebrei posano sulle tombe dei loro morti, ma che nel caso non ha potuto essere posato perché ancora oggi non si sa dove siano finiti i corpi dei trucidati o i loro resti. Il film, che mostra le interviste di superstiti e testimoni, si basa sul libro “Olacausto sul Lago Maggiore” di Aldo Toscano, a cui sono state aggiunte 25 interviste di testimoni, loro parenti e storici del Centro di Documentazione Ebraica di Milano e dell’Istituto Storico della Resistenza “Pietro Fornara” di Novara. Al documentario ha contribuito anche lo scrittore, attore e musicista Moni Ovadia.

Particolarmente toccante è stata la testimonianza di Becky Behar, sopravvissuta alla strage di Meina. Dalle sue parole, con cui di fatto si è anche concluso l'incontro durato tre ore, gli studenti hanno colto davvero quali furono gli istanti tragici che videro coinvolte intere famiglie ebraiche anche nel nostro territorio. Il racconto di Becky Behar, scomparsa nel 2009, ha lasciato un segno nel cuore dei ragazzi, che hanno poi ripreso in classe con i propri professori la discussione in riferimento a quanto ascoltato durante la mattinata.

Infine, sempre in occasione della "Giornata della memoria" anche per gli studenti delle classi prime, seconde e terze vi è stato un momento di riflessione con la proiezione di due film a tema.

 

La platea degli studenti    Il tavolo dei relatori  Lorenzo Camocardi parla agli studenti

 

 

 

Mercoledì, 25 Gennaio, 2017 - 11:29

La locandina di Even1943  Venerdì 27 gennaio, in occasione della Giornata della Memoria, l'Istituto Ferrini - Franzosini organizza una serie di proiezioni cinematografiche volte a sensibilizzare gli studenti sui temi dell'Olocausto e della discriminazione razziale.

Le attività inizieranno in auditorium alle 8, con la proiezione del film documentario "Even1943 Olocausto sul Lago Maggiore", con la partecipazione del regista Lorenzo Camocardi, che animerà il dibattito con studenti e docenti di storia delle classi quarte e quinte.

Alle 12 sarà proiettato il film "La Vita è bella" e alle 14.45 sarà la volta del film "Train de vie".

Sito realizzato e gestito dall'IIS Ferrini Franzosini, basato sul modello realizzato dal gruppo di lavoro Porte Aperte sul Web. Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.